De Rossi, appartengo ai tifosi romanisti

Io sono di proprietà dei tifosi della Roma". Daniele De Rossi si racconta in un'intervista a 'Il Romanista' e dice: "essere una bandiera della Roma è una responsabilità enorme che ti porti sempre addosso. Significa che non hai scelta. Che quando in passato ho avuto offerte o stavamo sull'orlo del fallimento o le cose non andavano, quando ti chiama semplicemente qualcuno non sei tu che rispondi, perché tu, io sono della Roma nel senso di proprietà della Roma, dei tifosi della Roma. Io Daniele De Rossi sono di proprietà dei tifosi della Roma". Il campione giallorosso rivela poi il suo desiderio di chiamare un figlio Agostino, in onore di Agostino Di Bartolomei: "È un capitano che non ho vissuto da tifoso ma è quello a cui mi sono attaccato di più dopo. Volevo chiamare mio figlio Agostino. Ma mi ero giocato il jolly col nome della prima figlia e quindi l'accordo era che il nome doveva sceglierlo mia moglie. L'avrei chiamato Agostino De Rossi. Forse sarebbe stato troppo".

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Fiumicino

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...