SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Cattivissimo Me 3

  • Uscita:
  • Durata: 96min.
  • Regia: Kyle Balda, Pierre Coffin, Kyle Balda, Pierre Coffin, Eric Guillon
  • Prodotto nel: 2017 da ILLUMINATION ENTERTAINMENT
  • Distribuito da: UNIVERSAL PICTURES INTERNATIONAL ITALY
  • Tratto da: personaggi ideati da Sergio Pablos

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

Gru conduce ormai una tranquilla esistenza con Lucy, le loro adorabili bambine Margo, Edith e Agnes e i fedelissimi Minions. Ma quando nelle vita dell'ex supercattivo compare Dru, un fratello gemello di cui non ha mai saputo nulla, Gru decide di riprovare l'ebbrezza di compiere atti criminali. Nel frattempo, il mondo viene minacciato da Balthazar Bratt, un ex bambino prodigio anni Ottanta la cui fama è ormai tramontata, ma che continua a essere ossessionato dal suo personaggio di successo ed ora è ossessionato dalla vendetta su tutta Hollywood.

Dalla critica

  • Cinematografo

    Tempo fa, non molto, era davvero cattivissimo. Gru, con quel nasone appuntito, le sue dita affusolate come spilli, le spallone larghe da boss, basamento per una immancabile sciarpa avvoltolata attorno al collo larghissimo, come la sua cattiveria, e un cipiglio sempre sull’orlo della tempesta, si è però convertito: vuoi per la presenza terremotante nella sua vita di tre frugolette – Margo, Edit e Agnes – vuoi per l’affetto, diventato amore vero, della madre di loro, Lucy, che ha felicemente sposato, è una spia abilissima e conserva una perfetta forma fisica, un poco invidiata, certo. Addirittura lo ricordiamo iscritto, già nel capitolo 2, alla Lega segreta che combatte i cattivi di tutto il mondo. Un fallimento, però, ora lo fa brutalmente espellere da questo consesso per lui un punto irrinunciabile di approdo e di stabilità. Eppure Gru non si volge contro la bontà che ha scelto, anzi, finalmente coglie la dolorosa occasione per decidere di condurre una vita assai più tranquilla. Creando non proprio il panico, ma quasi, tra i suoi adorati Minions, che si ribellano e lo ripudiano, iniziando a peregrinare alla ricerca di un nuovo, vero cattivissimo padrone. E di cibo, come sempre. Adorabili loro, con quella neo-lingua che ti fa solo intuire di cosa stanno parlando, ma molto di quello che pensano e vogliono. Se il cattivo, però, non è Gru, un cattivo ci deve essere: eccolo, arriva diritto diritto dalla televisione: negli anni ’80 il suo personaggio era amato, nei nostri ormai dimenticato e irriso. E allora Balthazar Bratt si vendica: contro i colleghi, contro i simulacri di bontà, contro chi gli ha fatto torti e ancora gli mette i bastoni fra le ruote. E contro Hollywood, ça va sans dire, quel cinema che rimane il simbolo del potere e dell’ingordigia e aveva all’epoca cancellato il suo show. La sua arma è una appiccicosa gomma americana che si gonfia, si gonfia. Mentre lui ama il rock e si muove flessuoso come un ballerino, minacciando e creando scompigli a non finire. La grandissima novità, questa volta, è che della sua vita Gru riscopre le origini piuttosto misteriose, e soprattutto che non era affatto solo, prima che i genitori si dividessero. Perché facendolo, s’erano divisi anche la prole. Il pargoletto Gru con la mamma, e col babbo… Dru. “Nel primo film – racconta Chris Meledandri che produce la serie per l’ormai mitica Illumination – Gru scopriva che cosa vuol dire essere un genitore e come questo comporti un amore senza condizioni. Nel secondo seguiamo Gru che si innamora. Ora si inizia con Gru nel pieno di una crisi di identità perché si ritrova disoccupato, scoprendo pure una inaspettata rivalità familiare”. La presenza del doppio di Gru, che ha biondissima e folta chioma, parlantina incontenibile, è flessuoso e così charming , veste di bianco e vive in un faraonico palazzo, circondato da lusso, macchine e gadget bellici creati dal babbo, innesca una sorta di competizione che diventa una sfida, mettendo in serio pericolo la relazione tra i due gemelli, incapaci di collaborare davvero. Ma ci sono anche una serie di nuovi, deliziosi personaggi, nel film diretto da Pierre Coffin e Kyle Balda, cui si aggiunge Eric Guillon, per confermare come il lavoro di squadra sia indispensabile. La mamma di Gru, che si sollazza in piscina in stile romano con due fusti italiani alti tre volte lei, ha nell’edizione originale la voce di Julie Andrews. Le attenzioni maggiori, e le simpatie, sono anche questa volta per la tribù dei Minions: strepitosa la loro partecipazione a un talent show televisivo, che naturalmente vincono senza volerlo, e la loro trasformazione, mentre trascorrono annoiati e sconsolati in prigione i loro giorni, a veri tipi tosti, capaci di sottomettere e terrorizzare i più incalliti dei delinquenti. Però, se l’antico padrone chiama, bene, anche per loro il primo amore non si scorda mai!

  • La Stampa

    Sarà pur vero che l'eccesso di sequel e saghe suggerisce l'impressione di una Hollywood a corto di idee, ma le ragioni del botteghino dove le mettiamo? Dopo due capitoli e un miliardo e mezzo di dollari di incasso (per non parlare del merchandising), 'Cattivissimo Me' approda al terzo episodio in spirito di continuità, al motto «mai cambiare formula se funziona» ma aggiustando un poco il tiro. Ovvero contenendo l'invadenza dei Minions che, pur fonte sicura di risate, hanno l'irritante tendenza a debordare; e molto puntando sul protagonista Gru che per l'occasione, con un trucco drammaturgico che risale al teatro classico, si sdoppia e raddoppia nel gemello Dru (...). Il copione di Ken Daurio e Cinco Paul, sceneggiatori fissi della serie, gioca al solito sui cliché rivitalizzandoli in chiave ironica; e ben fondendo astratte gag visive in stile Looney Tunes con momenti di dolcezza familiare che rendono accattivante il racconto a uso dei piccini, e non solo. Perché, insomma, quando Lucy ha per la prima volta l'insperata gioia di sentirsi chiamare mamma da una delle tre frugolette; o quando Gru dice a Dru: «Ti voglio bene» chiunque, Minions a parte, si scoprirà pronto a intenerirsi.

  • Il Messaggero

    Conosciamo la saga prodotta dal terzo polo del cartoon mondiale Illumination, appena un gradino sotto Disney/Pixar e ormai in corsia di sorpasso con la Dreamworks. Qui si mescola il genere 'ruritaniano' inventato nelle pagine de 'Il prigioniero di Zelda' di Anthony Hope (siamo in una fantasiosa Europa dell'Est dal sapore monarchico) con la spy story parossistica di James Bond, a base di gadget fantasiosi (bellissimo un devastante mitra al chewing gum) e acrobatiche sequenze d'azione. (...) Il film convince nel mix tra azione comica e dinamiche familiari (...). Li vediamo i Minions? Certo. Gli ingestibili scagnozzi gialli di Gru dall'inconfondibile salopette jeans pronti a parlare nel loro buffo gramelot anglo-franco-iberico-nippo-coreano-messicano-italiano si produrranno in un assurdo concerto dove la lasagna è il piatto forte alla base della loro aria musicale.

  • Libero

    Deve piacere (non c'è scampo) alla moltitudine dei fan della serie cinematografica, arrivata al terzo capitolo sull'onda di un miliardo e mezzo d'incassi. Gli ingredienti sono ancora quelli: trama ricca di colpi di scena, le apprezzabili acrobazie grafiche e una simpatica presa per i fondelli dei luoghi comuni del buonismo.

  • Il Giornale

    Ormai, 'Cattivissimo Me' è divenuto un prodotto per pubblico fidelizzato; alla saga animata basta andare con il pilota automatico, strizzando gli occhi a tutte le fasce di età presenti in sala. Insomma, si sorride (senza esagerare), ma senza quell'innamoramento che provocò il primo ineguagliabile film.

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Macchine mortali

  • Uscita:
  • Regia: Christian Rivers
  • Cast: Hugo Weaving, Hera Hilmar, Robert Sheehan, Jihae,...

Migliaia di anni dopo la distruzione del mondo civilizzato a causa di un cataclisma, la razza umana si è adattata e si è...

Scheda e recensioni

Il testimone invisibile

  • Uscita:
  • Regia: Stefano Mordini
  • Cast: Riccardo Scamarcio, Miriam Leone, Fabrizio...

Adriano Doria, un giovane imprenditore di successo, si risveglia in una camera d'albergo chiusa dall'interno accanto al...

Scheda e recensioni

Un piccolo favore

  • Uscita:
  • Regia: Paul Feig
  • Cast: Anna Kendrick, Blake Lively, Henry Golding, Rupert...

Stephanie è una mamma blogger che cerca di scoprire la verità dietro la scomparsa della sua migliore amica, Emily....

Nel frattempo, in altre città d'Italia...